Destinazioni

Rovigno e Orsera (in croato, rispettivamente, Rovinj e Vrsar) sorgono sulla costa occidentale della penisola istriana. Unendo la loro natura pittoresca alla ricca eredità culturale, danno vita a un’esperienza turistica insuperabile.

Rovigno

Con le sue case accatastate, dai colori pastello che sembrano sorgere dal mare, la vista della città vecchia è uno dei motivi più conosciuti della costa croata ed è sicuramente una delle ragioni principali per cui Rovigno è sempre popolata da molti visitatori.

V’invitiamo a scoprire la sua eredità naturale e culturale, compiere una passeggiata per lo sfarzoso bosco-parco di Punta Corrente e le strette viuzze di pietra del centro storico, per vivere una bellezza mozzafiato che di anno in anno attira moltissimi visitatori.

Di più su Rovigno?

Orsera

Situato su un colle che sovrasta il mare, Orsera è un tranquillo borgo di pescatori dall’atmosfera particolare che di volta in volta entusiasma e ispira i suoi visitatori.

Durante il vostro soggiorno a Orsera, approfittate dell’occasione d’inerpicarvi per le strette viuzze del centro storico, fino alla cittadella romanica, godetevi la bellezza dei panorami d’un docile arcipelago verde e azzurro di 18 isolotti disabitati e assaggiate le specialità di mare allevate nello splendido Canale di Leme (Limski zaljev).

Di più su Orsera?

Istria e Croazia

Istria

L’Istria è la più grande penisola istriana ed è una stupenda oasi verde circondata da un mare turchese limpido e cristallino.

Di più sull’Istria?

Croazia

La Croazia è un’oasi europea caratterizzata da una varietà culturale e naturale.

Di più sulla Croazia?

Che tempo fa in Istria

Clima mite mediterraneo

134 giorni di sole l’anno

Clima mite mediterraneo

Il luogo più soleggiato dell’Adriatico

Clima mite mediterraneo

Il luogo col cielo meno nuvoloso dell’Adriatico

Clima mite mediterraneo

Soltanto 100 giornate ventose l’anno

Temperatura media

in primavera: 12,5 °C, in estate: 23,4 °C, in autunno: 15,6 °C, in inverno: 5,5 °C

Temperatura media del mare

Da giugno a settembre, la temperatura del mare oscilla tra i 22 °C ed i 24 °C

Le prime 10 cose da fare

Per più informazioni sulla varietà di offerte e servizi consultate il nostro sito internet

Istria Experience

a Rovigno

1. Salite in cima al campanile della chiesa di S. Eufemia

Una tappa obbligatoria del panorama rovignese è il campanile della chiesa di S. Eufemia; con i suoi 62 metri è il campanile più alto dell'Istria, dal quale si estende una vista stupenda sulla città e l'arcipelago circostante. Fu costruito nel XVII secolo, su modello di quello di Piazza S. Marco a Venezia, ed è sormontato dalla statua di bronzo di S. Eufemia, patrona della città. Questa statua ha sostituito una precedente di legno, ed è alta 4,70 metri.

2. Una passeggiata per la città vecchia

La città vecchia di Rovigno ha mantenuto intatto il suo aspetto originale e autentico tipico di un centro storico, sulla penisola che sovrasta il pittoresco porto. Fate una passeggiata per le sue vie più note - la Carrera, stracolma di negozi e piccole gallerie d’arte, la Bregovita ulica, e infine la Grisia, famosa per la sua tradizionale mostra d’arte all’aperto.

3. Scoprite i sentieri ciclistici del parco-bosco di Punta Corrente (Zlatni rt)

L'area protetta del parco-bosco di Punta Corrente (Zlatni rt) è la tappa preferita di chi ama andare in bici, correre o passeggiare. Qui crescono gli imponenti cedri imalaiani, gli esotici cipressi, e una tipica macchia mediterranea, che creano un luogo stupendo, adatto per le vostre attività sportive preferite.

4. Una visita al Museo della battana

La battana è una barca di legno appartenente alla tradizione di questi luoghi, caratteristica per il suo fondo piatto. A essa è dedicato il Museo della battana nel quale scoprirete qualcosa di più sulla lunga tradizione della pesca a Rovigno e guarderete un documentario di 15 minuti dedicato alla costruzione di questa barca, accompagnata dalle melodie della bitinada (un canto a cappella della tradizione rovignese a cappella).

5. Visitate Moncodogno (Monkodonjo)

Il sito archeologico di Moncodogno, ottimamente conservato, risale all'era del bronzo ed è circondato da mura. Dista circa cinque chilometri da Rovigno. Moncodogno consta di tre parti: la necropoli centrale, l’area degli artigiani e la zona residenziale. Secondo una stima, l’insediamento preistorico ospitava circa 1000 abitanti.

6. Osservate gli uccelli alla riserva ornitologica di Palù (Palud)

La riserva ornitologica di Palù è un'area protetta che dista solo una decina di chilometri da Rovigno. Si trova nelle immediate vicinanze della costa marina e comprende una palude, una ricca vegetazione e dell'acqua salmastra che concentra una gran quantità di specie ornitologiche. La sua biodiversità sta nel fatto di costituire una fusione di palude e mare.

7. A cena al ristorante Wine Vault

L’eccellente ristorante Wine Vault, nato in seno al boutique hotel Monte Mulini a cinque stelle, è un luogo dove potete vivere una straordinaria esperienza gastronomica e una fusione indimenticabile di cucina francese accompagnata da una superba carta dei vini che vanta oltre 550 diverse etichette, attentamente selezionate, di vini nazionali ed esteri.

8. Immergetevi alla scoperta del relitto della nave Baron Gautsch

La "Baron Gautsch", nave passeggeri dell'austriaca Lloyd, fu costruita nel 1908 in un cantiere della Gran Bretagna. Compieva dei viaggi di linea sulla tratta Trieste-Cattaro-Trieste. Fu affondata nel 1914, e il suo relitto, perfettamente conservato, è adagiato sul fondo del mare a 40 metri di profondità ed è iscritto nel registro dei beni culturali croati.

9. Pesca sportiva

Grazie alla varietà delle specie ittiche e della costa frastagliata, con molti golfi, isolotti e scogli, Rovigno e dintorni sono la meta preferita degli amanti della pesca sportiva.

10. Scoprite la spiaggia sull'Isola Rossa (Crveni otok)

L'Isola Rossa è formata da due isolotti – S. Andrea e Maškin – uniti da un percorso lungo il quale si trova una delle spiagge più belle dell'Istria. Fate una passeggiata per i sentieri del parco, con più di 120 specie vegetali, rinvigoritevi nei luoghi d’energia appositamente allestiti sull'isola. Non perdetevi di visitare il vecchio castello del conte Hütterot e il mausoleo sull'isola di Maškin.

in Istria

1. Visitate l’anfiteatro romano di Pola (Pula)

La famosa arena di Pola è un anfiteatro costruito interamente con blocchi di pietra calcarea estratta dalle cave locali. Ai tempi degli antichi Romani qui si svolgevano i combattimenti dei gladiatori; oggi il suo ambiente straordinario è un luogo perfetto per organizzare concerti, proiezioni cinematografiche e altri eventi sotto il cielo stellato. Una volta l'arena aveva una capienza di ben 20.000 spettatori.

Il suo muro esterno, perfettamente conservato, è alto 30 metri presenta due piani, ciascuno dei quali ha 72 archi.

2. Visitate la Basilica Eufrasiana a Parenzo (Poreč)

Nota come uno dei migliori esempi dell’arte bizantina del VI secolo, la Basilica Eufrasiana è parte del patrimonio culturale dell’umanità sotto l’egida dell’UNESCO. Si tratta di un complesso di edifici costruiti sulle fondamenta di alcune basiliche più antiche, che comprende la chiesa, l’atrio ed il battistero che conserva dei preziosissimi mosaici.

3. Immergetevi alla scoperta del relitto della "Baron Gautsch"

La "Baron Gautsch", nave passeggeri austriaca della Lloyd austriaca, fu costruita nel 1908 e affondata nel 1914. Il suo relitto perfettamente conservato giace sul fondo del mare a 40 metri di profondità ed è iscritto nel registro dei beni culturali.

4. Salite in cima al campanile di Sant’Eufemia a Rovigno (Rovinj)

Una tappa obbligatoria del panorama rovignese è il campanile della chiesa di S. Eufemia; con i suoi 62 metri è il campanile più alto dell'Istria, dal quale spazia una vista stupenda sulla città e l'arcipelago circostante. Fu costruito nel XVII secolo, su modello di quello di Piazza S. Marco a Venezia, ed è sormontato dalla statua di bronzo di S. Eufemia, patrona della città. Questa statua ha sostituito una precedente di legno, ed è alta 4,70 metri

5. Una visita alla cattedrale di Pola (Pula)

La cattedrale dell’Assunzione della Beata Vergine Maria fu costruita nel VI secolo nel punto in cui prima si suppone ci fosse stato un tempio romano di Giove, e più tardi un luogo d’incontro segreto per cristiani. Fu ristrutturata completamente nel XV secolo, mentre in quello XVI ha assunto la forma odierna, quando le è stata aggiunta la facciata tardo-rinascimentale. La chiesa conserva ancor oggi alcune caratteristiche romaniche e bizantine e alcuni frammenti musivi del V e VI secolo. Il campanile di fronte alla chiesa fu costruito fra il 1671 e il 1707 con le pietre dell’anfiteatro.

6. Esplorate il Canale di Leme a due passi da Rovigno (Rovinj)

Il paesaggio naturale protetto del Canale di Leme è nato dall’alluvione della valle del fiume Pazinčica che fu sommersa dal mare, dando vita a un canale lungo una decina di chilometri, dall'aspetto simile a un fiordo.

7. Una passeggiata per le mura di Montona (Motovun)

Noto per il suo recente festival cinematografico, Montona è un pittoresco borgo medievale fortificato situato in cima a un colle ed è il meglio conservato di tutta l’Istria. Passeggiando per le sue mura, vi sembrerà di essere ritornati indietro nel tempo, mentre il panorama della vallata del fiume Quieto (Mirna) e della foresta di Montona – famosa perché qui crescono i tartufi – rimarrà sicuramente impresso nella vostra memoria.

8. Colmo (Hum), la più piccola città del mondo

Colmo è un borgo pittoresco nei pressi di Pinguente (Buzet) ed è considerato „la più piccola città del mondo“. È inoltre famoso per le chiese, gli affreschi e le scritte in alfabeto glagolitico che caratterizzano il Viale dei glagoliti situato sulla via che da Rozzo (Roč) conduce a Colmo.

9. Capo Promontore (Rt Kamenjak)

Capo Promontore (Rt Kamenjak) è il punto più meridionale della penisola istriana. Questa stretta fascia di terra lunga 9,5 km e larga soltanto 1,5 km è un’area naturale intatta ricca di animali selvatici e tanto pesce. Proclamata parco naturale, l’area di Capo Promontore è aperta ai sub, ai pescatori sportivi ed a chiunque, amando ami la natura e l’avventura, sia pronto non solo a godere delle sue bellezze, ma anche a proteggerle.

10. L’arcipelago delle Brioni

L’arcipelago e Parco nazionale delle isole Brioni, situato sul lato sud-occidentale dell’Istria, nelle immediate vicinanze di Pola (Pula), è un’unione straordinaria di bellezze naturali e storia. Qui si trovano i resti di una villa romana e del castrum bizantino che si possono visitare a piedi o a bordo di un trenino turistico. Qui si trova anche il parco-safari con animali esotici, e sull’intera Brioni maggiore, la più grande dell’arcipelago che conta 14 isole, alcuni animali come il daino, vivono in libertà. La visita a Brioni è un’esperienza straordinaria di un incontro con una natura meravigliosa e una ricca storia.

in Croazia

1. Visitate Pola (Pula)

Pola è la città più grande e importante dell’Istria, la cui storia risale a milioni di anni fa. Il simbolo più rinomato della città, l’anfiteatro romano, testimonia l’epoca dalla quale risalgono anche le altre bellezze che vanno assolutamente viste durante la visita alla città, come il foro romano, l’arco dei Sergi e Porta Ercole. Situata in un golfo ampio e ben protetto, Pola è circondata da zone turistiche che offrono una miriade di opportunità per godersi il sole, il mare e le attività ricreative.

2. Visitate Abbazia (Opatija)

Situata sulla costa nord-orientale dell’Istria, in cima al Golfo del Quarnero, Abbazia nacque nel XIX secolo come luogo di villeggiatura per l’aristocrazia austroungarica. A questo periodo appartengono le meravigliose ville, gli hotel e i parchi allestiti – tutte bellezze che fanno di questa città una destinazione turistica veramente straordinaria. Grazie a una tradizione lunga più di 170 ani, Abbazia è oggi ritenuta la culla del turismo croato.

3. Visitate Zagabria (Zagreb)

Nata attorno ai colli di Kaptol e Gradec, fra i pendii della Medvednica e del fiume Sava, occupa un posto molto favorevole dal punto di vista geografico e del traffico. Zagabria è oggi la città più grande e la capitale della Croazia e rappresenta un’ottima scelta per una breve gita dall’Istria per tutti coloro che desiderano conoscerne il patrimonio culturale e sentire un alito di vita urbana moderna.

4. Visitate Ragusa (Dubrovnik)

Ragusa è indubbiamente la destinazione croata più famosa al mondo e una città caratterizzata da una storia ricchissima di cui ci si rende conto passeggiando per le sue mura centenarie. Considerata la distanza dall’Istria, il modo migliore per visitarla è in aereo, con partenze da Pola.

5. Rafting sulla Mrežnica

Una vegetazione rigogliosa, le barriere di tufo, i laghi e le cascate – la Mrežnica è un esempio stupendo di fiume carsico ed è ritenuto uno dei fiumi più belli e interessanti del carso croato. È l’ideale per compiere una gita in canoa o in kayak, e una delle destinazioni croate preferite per il rafting.

6. Esplorate il Parco nazionale del Risnjak

"Fra i dirupi e gli strapiombi, negli stupendi boschi di conifere e alberi frondiferi, vivono indisturbati il mondo animale e quello vegetale, mentre l’uomo attraversa questi sentieri nel pieno rispetto, dinanzi a questo grande complesso naturale nel quale si è immerso." Questa citazione del dott. Ivo Horvat descrive perfettamente i valori e le bellezze del Risnjak.

7. Esplorate il Parco nazionale dei Laghi di Plitvice

Quello dei Laghi di Plitvice è dal 1949 il parco nazionale più antico e visitato della Croazia che dal 1979 si trova sotto l’egida dell’UNESCO. È costituito da 16 laghi di colore azzurro-smeraldo, uniti da ruscelli, cascate, e delle barriere di tufo che costituiscono una curiosità particolare di questo parco.

8. Osservate il volo dei grifoni a Cherso (Cres)

Fra le isole del Quarnero, Cherso è quella che affascina di più per il grado di conservazione e l’autenticità del suo paesaggio naturale. Nella parte settentrionale dell’isola ci sono delle riserve ornitologiche, dove vivono i grifoni, una specie ornitologica protetta che qui annida sulle rocce lungo il mare. Osservare il loro volo sul mare è un’esperienza straordinaria.

9. Trascorrete una giornata a Fužine

A due ore di macchina circa da Rovigno e Orsera, nell'entroterra di Fiume e del Quarnero, si trova Fužine, una pittoresca località montana circondata da tre montagne (Tuhobić, Viševica e Bitoraj) e da tre laghi (Bajer, Lepenica e Potkoš). Negli ultimi anni Fužine è diventata una destinazione amata per le gite, con una ricca offerta gastronomica.

10. Visitate Sansego (Susak), l’unica isola di sabbia della Croazia

Sansego (Susak) è una magnifica isola di sabbia nata dalla sedimentazione di loess sulla pietra calcarea. È completamente diversa da qualsiasi altra isola al mondo poiché qui non c’è né traffico automobilistico, né del turismo organizzato. Sansego è un'oasi unica di quiete e bellezze naturali primordiali.

a Orsera

1. Un volo panoramico a bordo di un aereo da turismo

Grazie al fatto che Orsera è una delle poche località dell'Istria ad avere un proprio aeroclub, i suoi ospiti hanno l'occasione unica di godersi la vista del panorama di Orsera e dintorni, e del Canale di Leme, compiendo allo stesso tempo un bel volo panoramico.

2. Visitate Via Casanova

Il famoso rubacuori italiano, avventuriero e scrittore, è stato per ben due volte a Orsera, nel 1743 e nel 1744. Stando alle sue memorie pare che, in occasione di ogni sua visita, diverse bellezze locali abbiano ceduto al suo irresistibile fascino.

3. Visitate il Castello (Kaštel) - la residenza vescovile estiva e la chiesetta

Accanto alla chiesa parrocchiale sorge un palazzo monumentale in stato di abbandono – il Castello, che un tempo fungeva da residenza estiva dei vescovi di Parenzo. Il complesso consta di un palazzo fortificato con una cisterna e quattro torri laterali collegate alle mura cittadine, risalenti al XV secolo.

4. Visitate il Parco delle sculture di Dušan Džamonja

Orsera è soprannominata "la città degli scultori". Nel Parco delle sculture sono esposti i lavori di Dušan Džamonja, uno dei più notevoli scultori moderni di fama croata ed europea. Nell'ormai abbandonata cava di Montraker, ogni estate si tiene l'omonima scuola internazionale di scultura. Le sculture realizzate nel corso di questi laboratori, si possono vedere sulle spiagge, nei campeggi, sulla riva di Orsera e nei parchi cittadini.

5. Godetevi il panorama da tre romantici belvederi

Grazie alla sua posizione in cima a un colle, Orsera vanta dei bellissimi belvederi dai quali spazia una vista stupenda sull'arcipelago circostante. Il maggiore di questi si trova ai piedi della Piccola porta di Orsera, dove troverete anche le sculture del laboratorio di scultura Montraker – un tavolo stilizzato in pietra e delle panche per riposare.

6. Godetevi un giro in bici per l'itinerario eco-ciclabile Orsera – Leme – Orsera

L’itinerario eco-ciclabile nei pressi di Orsera offre tre tipi di percorso durante i quali è possibile vivere la natura e la storia del luogo: uno di breve durata e di lieve difficoltà, uno di media lunghezza per cicloturisti più in forma, e un percorso lungo che costeggia il Canale di Leme, lungo il bosco di Kontija e oltre. Quest'ultimo attraversa un sito archeologico con reperti di ceramiche risalenti all'epoca del bronzo e il Parco delle sculture di Dušan Džamonja.

7. Una passeggiata per il bosco Kontija

Nell'entroterra di Orsera, su una superficie di 64 ettari si estende il bosco Kontija, con una moltitudine d'alberi appartenenti alla specie del carpino orientale. Il bosco ha più di 140 anni, ha lo status di riserva naturale speciale, ed è ritenuto un simbolo importante di questi luoghi.

8. Visitate la Grotta di Romualdo e il Canale di Leme

Il paesaggio naturale protetto del Canale di Leme è nato dall’alluvione della valle del fiume Pazinčica che fu sommersa dal mare, dando vita a un canale lungo una decina di chilometri, dall'aspetto simile a un fiordo. A sud di quest'insenatura si trova la Grotta di Romualdo, chiamata così perché questo fu il luogo di preghiera e meditazione che ospitò per ben tre anni, dal 1001 al 1004, l’eremita S. Romualdo. La grotta è inoltre un fenomeno speleologico perché tutte le concrezioni calcaree si trovano esclusivamente sul lato sinistro, mentre quello destro ne è completamente privo. Nella grotta sono stati rinvenuti alcuni resti che testimoniano la vita dei cacciatori nell'epoca del paleolitico.

9. Le feste dei pescatori

Ogni anno, dalla primavera all'autunno a Orsera si tengono le tradizionali feste dei pescatori alle quali gli ospiti e la gente del luogo possono sentire l'atmosfera della località di pescatori, degustare dei piatti tipici e divertirsi con musica e ballo.

10. Una visita al Dinopark Funtana

Situato nella località di Fontane (Funtana), il Dinopark Funtana è il primo parco dei divertimenti in Croazia dedicato ai dinosauri, qui presentati nella loro grandezza naturale. Poiché in varie località dell’Istria sono stati rinvenuti parecchi resti di dinosauri, essi sono diventati uno dei simboli della penisola. Visitate il Dinopark Funtana e farete un viaggio nella preistoria, ai tempi in cui queste strane creature dominavano il nostro pianeta.

Prossimo evento locale

Vedi tutti gli eventi locali
7a Conferenza HTI - Health Tourism Industry Rovigno 28.02. - 02.03.2017

7a Conferenza HTI - Health Tourism Industry Rovigno

Riviera istriana 04.03. - 12.03.2017

Riviera istriana

pix